Nuovo pareggio per i bergamaschi: 1-1 a Udine. Gotti non ci sta: "ci manca un rigore."

bergamaschi

Alla Dacia Arena va in scena il recupero della decima giornata di Serie A tra Udinese e Atalanta. Friulani che arrivano all’appuntamento dalla sconfitta di Genova contro la Sampdoria e con le voci che vorrebbero la panchina di Gotti in discussione.

Bergamaschi a caccia dei tre punti per agguantare la terza posizione in classifica. 
Pronti via e l’Udinese passa in vantaggio dopo meno di trenta secondi: sponda di Lasagna, Pereyra entra in area dalla fascia destra, salta Romero e, di esterno destro, batte Gollini.

L’ Atalanta prova a reagire, senza essere mai incisiva, mentre l’Udinese prova a sfruttare gli spazi in contropiede. Al 42’ Gollini anticipa Lasagna ma si lascia scappare il pallone; Pereyra è in agguato e si scontra con l’estremo difensore degli orobici. Calvarese non reputa l’episodio da rigore, nonostante le proteste dei padroni di casa. Il VAR non interviene.

Due minuti più tardi è l’Atalanta a trovare la via del gol: Pessina serve Muriel che entra in area centralmente e, grazie a un rimpallo si presenta davanti a Musso e segna. 1 a 1 al duplice fischio, tutto accade all’inizio e alla fine di tempo.

Nella seconda frazione di gioco l’Atalanta prova il tutto per tutto per portare a casa i tre punti. Udinese, come nel primo tempo, si chiude e cerca di ripartire. Gli uomini di Gasperini creano ma quando arrivano al momento di concludere non riescono a capitalizzare.

Al 54’ Pessina serve Miranchuk che non inquadra la porta. Cinque minuti più tardi Malinovskyi riceve palla al centro dell’area e preferisce servire con un tacco Pessina, piuttosto che concludere. Gasperini capisce le difficoltà offensive dei suoi e manda in campo nello stesso momento Zapata, Ilicic e Gosens.

Il risultato però non cambia; Atalanta continua a sbattere sul muro bianconero. Unica occasione per i friulani è all’86’: cross in area dalla destra e Zeegelaar va in contatto con Gollini. La palla entra ma, Calvarese giustamente ferma tutto e assegna il fallo all’Atalanta.

Termina quindi 1-1 a Udine. Punto importante per i padroni di casa in vista della sfida di sabato contro l’Inter di Conte. Nerazzurri che tornano a casa con l’amaro in bocca per non aver raggiunto la terza piazza in classifica, ma dovranno subito pensare alla partita di sabato: saranno ospiti alle 18:00 a San Siro del Milan capolista.

Udinese (3-5-1-1): Musso; Becao, Bonifazi, Samir; Stryger Larsen (43′ st Molina), De Paul, Arslan (44′ st De Maio), Mandragora (11′ st Walace, 27′ st Deulofeu), Zeegelaar; Pereyra; Lasagna. A disposizione: Scuffet, Gasparini, Ouwejan, Makengo, Nuytinck, Micin, Nestorovski, Palumbo. All.: Gotti

Atalanta (3-4-1-2): Gollini; Toloi, Romero, Palomino; Hateboer (13′ st Gosens), De Roon, Pessina, Maehle; Miranchuk (13′ st Ilicic), Malinovskyi (36′ st Freuler); Muriel (13′ st Zapata). A disposizione: Sportiello, Rossi, Sutalo, Lammers, Caldara, Djimsiti, Depaoli, Ruggeri. All.: Gasperini

Arbitro: Calvarese

Marcatori: 1′ Pereyra (U), 44′ Muriel (A)

Ammoniti: Pereyra, Zeegelaar, Bonifazi (U), Romero, Freuler (U)

Servizio Fotografico Giacomo Cosua