Now Reading:
FIGC e Instagram: Abbiamo un problema.
Full Article 4 minutes read

FIGC e Instagram: Abbiamo un problema.

Se la Nazionale di Roberto Mancini sta facendo tornare l’entusiasmo per la maglia azzurra grazie al rinnovamento dei giocatori e ai risultati che finalmente iniziano ad essere positivi, non si può dire altrettanto della pagina Instagram della Federazione.

Quest’articolo vuole essere una analisi rapida sulla tipologia di contenuti pubblicati dalla pagina Instagram della FIGC, strumento oramai imprescindibile per il marketing e creare fidelizzazione con i propri utenti, in questo caso 60 milioni di Italiani.

Partiamo dal problema più banale che si è riscontrato in queste ultime due partite di qualificazioni degli europei. Certe squadre di Serie D hanno delle idee migliori su come annunciare le formazioni. Sarà un po’ diretto da dire, ma è proprio così.

figc

Viene da domandarsi il perché di una qualità dei contenuti davvero così bassa. Chi gestisce l’account instagram della FIGC ha questa brillante idea (Ripetuta in entrambe le partite contro la Finlandia e contro il Lichtenstein.. come dire, una volta si può sbagliare, la seconda vuol dire modus operandi). 

figc

Come si può pensare di pubblicare una cosa di questo tipo? La fotografia delle formazioni fatta con il cellulare. Nella partita giocata a Parma oltretutto con le ombre che sono ben visibili in basso. Risultato: Imbarazzante.

Per rimanere sempre sul tema di cosa sarebbe giusto NON pubblicare, passiamo alla grafica scelta per comunicare la classifica del girone italiano per le qualificazioni europee.

figc

Un post anche questo abbastanza senza senso. Considerando che il 99% guarderà quest’immagine sul proprio smartphone, capirà davvero poco.

Non si poteva creare una grafica più accattivante ed immediata, magari dividendo le informazioni con un post multi immagine? No, qua la creatività è rimasta a zero.

Sembra quasi che questo post venga fatto perché bisogna farlo, come se fosse una comunicazione istituzionale, che a creare “engagement” con il pubblico non sia necessario, tanto oramai la pagina ha raggiunto i suoi 2 milioni di follower e quindi naviga da sola. Non so se questo è il ragionamento fatto, ma di certo sarebbe il più sbagliato e controproducente.

Guardando gli ultimi post inoltre si trovano cose poco edificanti, come l’immagine pubblicata riguardo la Nazionale FUTSAL. Appare evidente come questa non sia una fotografia, ma piuttosto uno screenshot preso da un video. Come distruggere l’estetica.

figc

Ma anche sui video per i social c’è un problema. Da quando l’Italia gioca con la maglia verde e non con quella azzurra? Ovviamente non è mai successo, ma qualcuno in FIGC ha fatto un montaggio utilizzando un filtro video per rendere probabilmente le immagini più “emozionali”, senza accorgersi però che il cambiamento dei colori ha come risultato quello di modificare anche il tono del blu, facendolo diventare verde. Basta andare sul video per accorgersene immediatamente. Video Editing: imbarazzante.

figc

In generale ad ogni modo tutti i post sono abbastanza piatti, nulla a che vedere con la pagina instagram ad esempio della nazionale Inglese che conta 3,8 milioni di follower.

figc

Basta davvero poco per fare meglio. Invece di fare magari il solito post “tanti auguri a.. “ con una emoticon e la foto giusta c’è la giusta ironia per chiedere ai tifosi di interagire con la pagina.

Vogliamo parlare dell’Under19? Ecco come viene annunciata la diretta streaming sul sito della Federazione nella pagina instagram… Con uno screenshot del sito! Robe da non credere.

Anche la Spagna riesce a fare meglio. Invece della solita conferenza stampa (che ovviamente troverete sulla pagina instagram azzurra), gli spagnoli creano un video con il coach Luis Enrique che in campo mostra i convocati. Basta davvero poco per far bene e fare qualcosa di diverso. 

Insomma a trarre le somme il risultato è davvero modesto. FIGC, se ci sei batti un colpo e assumi un social media editor che sappia davvero cosa significhi fare questo lavoro. Abbiamo vinto 4 coppe del mondo, ma in questo campo siamo davvero da serie B.

PS: Anche l’account della lega di Serie A non se la passa tanto bene.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Input your search keywords and press Enter.